Marmellata di susine



Marmellata di susine

Kcal 660 per ogni barattolo

La marmellata di susine è molto simile a quella di prugne, ma ha un sapore forse più deciso.

A me piace molto avere diversi tipi di marmellata in dispensa, anche perché quelle comprate proprio non mi piacciono e poi…..chissà’ cosa ci mettono dentro !!!
Oltretutto queste susine provengono direttamente da mio giardino, quindi sicuramente più naturali.

Nonostante la susina contenga un alto tasso di zuccheri, non sono affatto molto caloriche e infatti anche nella mia marmellata di susine non ho utilizzato molto zucchero, come del resto anche nelle marmellate in genere che preparo, perché mi piace assaporare il gusto della frutta, ma certo non per questo sono aspre, anzi !

Contengono molte vitamine, Sali minerali, agiscono sui radicali liberi, contrastando quindi l’invecchiamento delle cellule e proteggendo l’organismo nella prevenzione di varie forme di cancro.

Molto utili a combattere la ritenzione idrica….. in una piccola susina troviamo davvero tanti benefici, quindi oltre a realizzarci le marmellate sono sicuramente salutari se le consumiamo anche al naturale.

Marmellata di susine

Ingredienti per 4 barattoli medi

– 1 kg e ½ di susine (pesate intere)

– 500 gr di zucchero

– poca acqua

– 1 bustina di frutta pec 1:1

– 4 barattoli di vetro

Marmellata di susine Marmellata di susine

Preparazione

Prendere le susine, lavarle, snocciolarle e metterle in una pentola di acciaio abbastanza alta.

Aggiungere lo zucchero, 2 dita di acqua di un bicchiere e cuocere a fuoco medio basso per circa 45 minuti, ma questo può variare da tanti fattori, quindi il tempo di cottura dovete regolarlo un po’ voi.

Quando la frutta è abbastanza cotta e non più tanto liquida, passarla al passa pomodoro; io passandola l’ho travasata in un’altra pentola.

Rimetterla sul fuoco e se necessario (se la frutta si addensa abbastanza bene da se non serve), aggiungere la busta di frutta pec e completare la cottura fino a quando la marmellata non si sarà addensata al punto giusto.

Al completamento della cottura, quando la marmellata è ancora bollente, trasferirla nei barattoli ben puliti e asciutti, chiuderli bene e girarli con il tappo capovolto verso il basso per una mezz’ora per controllare che i barattoli non perdano e che siano stati chiusi bene.

Questa marmellata si può conservare così anche per 2 anni.

Seguitemi su Facebook Pinterest Twitter G+ Instagram Youtube

Se volete restare aggiornati iscrivetevi alla newsletter



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Pizza con sugo all’amatriciana Successivo Grissini con farina di ceci aromatizzati

Lascia un commento