Tortelli romagnoli con farina di farro cotti in padella

Tortelli romagnoli con farina di farro cotti in padella

Kcal 320 circa per ogni tortello

I tortelli romagnoli con farina di farro cotti in padella sono una mia versione dei tortelli alla lastra….ero tanto curiosa di provare questa ricetta  e dopo essermi informata su come si realizzasse la ricetta, perché comunque non mi piace fare il copiato, ecco qui che sono usciti fuori dei tortelli davvero super !!!

Li ho farciti con un composto a base di zucca e non dico altro….troppo buoni !!!

Spero di avervi incuriosito e che li preparerete anche voi per una cena super sfiziosa e sono sicura che tutti apprezzeranno.

Seguite la mia ricetta aiutandovi con le foto passo passo e sono sicura che non avrete problemi !

Tortelli romagnoli con farina di farro cotti in padella
  • Preparazione:
    2 ore
  • Cottura:
    10 minuti
  • Porzioni:
    12 pezzi
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

Ingredienti per la pasta

  • Farina 0 200 g
  • Farina di farro 300 g
  • Sale 2 cucchiaini
  • Bicarbonato 2 cucchiaini
  • Latte 240 g
  • Olio extravergine d’oliva 8 cucchiai

Per il ripieno

  • Patate (senza buccia) 300 g
  • Zucca (peso dopo cotta) 500 g
  • Aglio 3 spicchi
  • Pancetta affumicata 70 g
  • Olio extravergine d’oliva 3 cucchiai
  • Parmigiano reggiano (grattugiato) 40 g
  • Pecorino romano (grattugiato) 80 g
  • rosmarino e salvia 3 cucchiai

Preparazione

  1. Tortelli romagnoli con farina di farro cotti in padella

    Iniziamo con il preparare la pasta per i tortelli mescolando le farine con il bicarbonato e il sale, poco per volta l’olio iniziando a mescolare bene, per poi unire il latte un po’ per volta fino a ottenere un impasto morbido ed elastico.

    Avvolgete la palla ottenuta nella pellicola da cucina e lasciatela riposare per almeno un’ora, se volete, potete preparare l’impasto il giorno prima e conservarlo in frigo, tirando fuori l’impasto almeno un ora prima dell’utilizzo.

  2. Tortelli romagnoli con farina di farro cotti in padella

    Mentre l’impasto riposa preparare il ripieno mettendo la zucca sbucciata e tagliata a fette in forno a 180°C per circa 20 minuti, una volta cotta e raffreddata, frullarla con il frullatore ad immersione.

    Mettere a lessare le patate già sbucciate e tagliate a pezzi grandi, quando avranno la consistenza per poterle schiacciare, scolarle e schiacciarle.

    Soffriggere gli spicchi d’aglio nell’olio e.v.o con il rosmarino e la salvia, una volta soffritto mettere da parte e lo stesso pentolino utilizzatelo per la pancetta  tagliata a dadini, cuocendolo a fuoco medio.

    In una ciotola o in un bicchiere capiente a bordi alti mettere la zucca con le patate schiacciate e frullate con il frullatore a immersione per qualche secondo, poi aggiungete il soffritto di aglio, rosmarino e salvia e frullate ancora fino a ottenere una crema; si devono frullare anche la salvia e il rosmarino con gli agli.

    Infine unite la pancetta a dadini e date una frullata veloce in modo che la pancetta si sminuzzi, ma non diventi inesistente.

    A questo punto trasferite il composto in una ciotola e aggiungete i formaggi grattugiati mescolando bene e unendo per finire il sale e il pepe.

    A questo punto possiamo riprendere l’impasto e ricavare delle strisce di pasta rettangolari ne troppo sottile e ne’ troppo spesse, lunghe circa 18-20 cm e larghe 4 dita circa, mettere 1 cucchiaio abbondante di composto con la zucca su una metà della pasta, bagnare il perimetro della pasta e richiudere su se stessa sigillando bene i bordi con le dita, rifilare il contorno con una rotellina e ripetere la stessa operazione per tutti i tortelli.

    Una volta preparati tutti i nostri tortelli, cuociamoli 5 minuti per lato in una padella antiaderente con il fondo spesso e con il coperchio.

    Consumate caldi, se preferite, una volta cotti, potete metterli in una teglia coperti con la stagnola e rinfornali per qualche minuto a 150°C, in modo da poterli preparare anche un po’ prima di cena e poi riscaldarli un po’ prima di sedersi a tavola.

    La ricetta è più difficile da spiegare che da fare, quindi provatela e sono sicura la proporrete spesso.

    Seguitemi su Facebook Pinterest Twitter G+ Instagram Youtube

    Se volete restare aggiornati iscrivetevi alla newsletter

Precedente Crispelle dolci abruzzesi Successivo Parmigiana con melanzane grigliate

Lascia un commento