Crispelle dolci abruzzesi



Crispelle dolci abruzzesi

Kcal 750 circa a persona

Le crispelle dolci abruzzesi si preparano per la Vigilia di Natale ma, in effetti, poi sono dei fritti che dall’8 Dicembre ogni occasione è buona per prepararle.

Esistono anche nella versione salata, quindi in questo caso togliete lo zucchero e mettete 1 cucchiaio abbondante di sale.

Questi fritti li troviamo in diverse piccole varianti a seconda della zona abruzzese in cui andiamo, in alcuni posti appunto li fanno solo salati, in altri invece nella variante dolce aggiungono uvetta, insomma “paese che vai usanza che trovi” !!!

In passato questa pasta veniva fritta in quelle padelle nere che si utilizzavano solo per friggere e che conservavano il sapore di ogni cosa che era passata per quella padella, ma nei giorni odierni meglio usare un tegame a bordi alti in acciaio, oppure antiaderente.

A questo punto resta solo realizzare la ricetta e sono sicurissima che la riproporrete ad ogni Natale !

Crispelle dolci abruzzesi
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    2 ore
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    6 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Farina 0 800 g
  • Lievito di birra fresco 25 g
  • Patate (peso da sbucciate) 200 g
  • Sale 1 cucchiaino
  • Zucchero 170 g
  • Acqua 420 ml
  • Scorza d’arancia
  • Olio di semi di arachide (per la frittura)

Per la finitura

  • Zucchero a velo 40 g
  • Cannella in polvere (facoltativa)

Preparazione

  1. Crispelle dolci abruzzesi

    Per prima cosa sbucciare le patate e tagliarle a pezzi grandi, metterle a lessare fino ad una consistenza da poterle schiacciare.

    In una ciotola mettere l’acqua tiepida  e lasciare sciogliere il lievito sgretolato, poi aggiungere un po’ di farina e sempre mescolando unire lo zucchero, la buccia d’arancia grattugiata, il sale e completare l’impasto unendo tutta la farina restante fino ad ottenere una palla omogenea non appiccicosa.

    Mettere a lievitare coperto al caldo per almeno 2 ore e comunque fino al raddoppio.

    A lievitazione ottenuta si prepara una padella con abbondate olio di semi (la ricetta originale prevede quello di oliva), una volta che l’olio sarà bollentissimo, si prendono delle porzioni di pasta lievitata con le mani unte e si allungano a formare dei torciglioni.

    Le mani si pasticceranno un po’ quindi è preferibile farlo in due, una persona si pasticcia le mani nel formare i torciglioni e l’latra controlla la frittura.

    Friggere e scolare per bene su carta assorbente e poi spolverare con zucchero a velo e cannella in polvere (facoltativa).

    In alcune ricette, dipende dalle zone d’Abruzzo in cui si prepara questa ricetta, aggiungono uva sultanina precedentemente ammollata in acqua e scolata.

    Per ora provate la mia versione e fatemi sapere nei commenti se vi è piaciuta la ricetta !!!

    Seguitemi su Facebook Pinterest Twitter G+ Instagram Youtube

    Se volete restare aggiornati iscrivetevi alla newsletter



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Albero di brioche farcito Successivo Tortelli romagnoli con farina di farro cotti in padella

6 thoughts on “Crispelle dolci abruzzesi

Lascia un commento