Zucchine in agrodolce



Zucchine in agrodolce

Kcal 700 circa totali di prodotto sgocciolato

Le zucchine in agrodolce ve le consiglio come antipasto e personalmente fa parte di quelle ricette che ne faccio sempre un po’ di scorta da tenere pronta per le cene con amici o parenti.

Generalmente le conservo nei barattoli così all’occorrenza sono sempre pronte.

Questo contorno in genere lo preparo con le zucchine giganti, visto che viene utilizzata solo la parte esterna.

Seguite la mia ricetta e vedrete che avrà davvero un gran successo.

Zucchine in agrodolce

Ingredienti                                    

– 1 kg di zucchine giganti

– 1 cipolla grande (300-400 gr)

– 2 litri di aceto

– 70 ml di olio e.v.o.

– 200 ml di olio di semi

Preparazione

Tagliare le zucchine meno di 1 cm dalla buccia e ricavarne tutti bastoncini, prendere la cipolla e tagliare a bastoncini anch’essa.

Prendere una ciotola e mettercele insieme, mescolandole con un po’ di sale per qualche minuto, poi metterle a sgocciolare nello scolapasta per 3-4 ore.

Trascorso il tempo, metterle a bollire con l’aceto e l’acqua (2 litri di aceto e 1 di acqua) ma inserire le verdure solo quando il liquido è già in ebollizione.

Da quando inseriamo le verdure contare 3 minuti e scolarle senza mandarci l’acqua.

Mettere un panno su un piano da lavoro e metterci le zucchine e cipolle per una trentina di minuti, poi cambiare il panno con uno asciutto, stenderci di nuovo le verdure sopra e lasciarle coperte con un altro panno sopra per 24 ore.

Trascorse le 24 ore, le condiamo con olio e.v.o. e le mettiamo in frigo in attesa di essere consumate, visto che possono stare in frigo anche 4-5 giorni senza rovinarsi.

In alternativa si possono mettere nei barattoli di vetro e riempirli per 1/3 di olio di semi, poi inserire le verdure, coprirle di olio e.v.o e sigillare bene con il proprio tappo.

Si possono conservare anche per più di un anno se il barattolo non prende aria.

Seguitemi sulla mia pagina Facebook Lo scrigno del buongusto

 



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Pasta alla carbonara (Lazio) Successivo Verdure gratinate al forno

Lascia un commento