Peperoncini ripieni con tonno



Peperoncini ripieni con tonno

Kcal 130 circa a persona

I peperoncini ripieni con tonno quest’anno li ho voluti preparare perché mi hanno regalato dei peperoncini tondi piccanti, ottimi per essere farciti e così ecco a voi la ricetta !.

Nella ricetta non ho messo i capperi perché a chi li doveva mangiarli non piacevano, ma nella ricetta li metterò.

Io non mangio piccante, non riesco proprio, ma mio marito si, anche se questi in particolare li ho preparati per mio cugino che me li aveva tanto chiesti.

La preparazione è molto semplice e abbastanza veloce.

Se volete consumarli in un altro momento, potete conservarli nei barattoli immersi nell’olio.

Seguite la mia ricetta e fate felice anche voi qualcuno della famiglia che ama mangiare piccante.

Peperoncini ripieni con tonno

Ingredienti per 5 persone

– 400 gr di peperoncini tondi piccanti

– 5 alici sott’olio

– 20 gr di capperi

– 250 gr di tonno sott’olio

– origano q.b.

Per la cottura

– acqua

– aceto

Peperoncini ripieni con tonno Peperoncini ripieni con tonno

Preparazione

Lavare i peperoncini, procurarsi un paio di guanti usa e getta, togliere il picciolo, svuotarli e privali dei semi.

Prendere un tegame a bordi alti, mettere acqua e aceto in parti uguali, mettere i peperoncini e farli lessare a fuoco medio, devono cuocere 7-8 minuti calcolando il tempo dal momento in cui comincia a bollire.

Scolarli nello scola pasta e metterli ad asciugare su un panno con la parte svuotata rivolta verso il basso per circa 8-12 ore.

Preparare il composto per la farcitura mettendo in un frullatore il tonno sgocciolato dell’olio, le alici, i capperi (precedentemente messi all’acqua per privarli del sale per almeno 30 minuti e poi ben sgocciolati), origano e frullare il tutto in modo che si sminuzzi tutto, ma non deve diventare una crema, bisognerebbe cercare di tritare il tutto senza omogenizzarlo.

Con il composto ottenuto farcire i peperoncini, metterli in un piatto da portata e servirli.

Se invece volete conservarli, li dovete mettere in un barattolo sommersi di olio e.v.o., sigillarli bene, metterli in una pentola piena di acqua fino a coprire i barattoli e far bollire per 15 minuti calcolando il tempo dal momento in cui bolle l’acqua.

Una volta bolliti lasciarli raffreddare nella pentola e poi si possono conservare per circa un anno.

Seguitemi sulla mia pagina Facebook Lo scrigno del buongusto



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Crostata con marmellata di fichi Successivo Mandorle pralinate

Lascia un commento