Maritozzi pugliesi (ricetta regionale)



Maritozzi pugliesi

Kcal 4134 totali

I maritozzi pugliesi, molto diversi da quelli romani farciti con la panna, ma questi pugliesi sono morbidissimi e profumati.

Sono dei dolci tentatori, quando li ho preparati, a casa sono durati poco, sicuramente non si posso fare troppo spesso.

Come tutti i prodotti lievitati dolci, emanano un profumo che non si può resistere e mangiarne almeno uno…questi maritozzi non sono da meno !

Provate a realizzarli seguendo la mia ricetta !

Maritozzi pugliesi

Ingredienti

– 2 uova piccole

– 440 gr di farina “00” + quella per il piano di lavoro

– 300  gr di farina di manitoba

– 250 gr di latte o acqua (io ho messo il latte)

– 15 gr di lievito di birra

– 80 gr di zucchero

– 1 cucchiaio di miele

– scorza grattugiata di 1 limone

– ½ stecca di vaniglia

– 1 cucchiaio di rhum

– 100 gr di burro

– 1 cucchiaino di sale

Copertura

– 1 tuorlo d’uovo

Maritozzi pugliesi

 

Preparazione

Sciogliere il lievito in poca acqua tiepida, poi in una ciotola capiente versare metà farina, unire il lievito sciolto, il latte tiepido, le uova, lo zucchero, il miele, il rhum, la buccia di limone grattugiata, il sale,  la vaniglia e mescolare bene il tutto.

Aggiungere il burro ammorbidito all’impasto e il sale, unire la farina restante e formare un panetto omogeneo.

Far lievitare per 4 ore coperto e in un luogo tiepido.

Per formare ogni maritozzo fare 3 cordoncini ognuno della lunghezza di circa 10 cm spessi un dito e formare una treccia.

Posizionare ogni treccia di maritozzo ben distanziati su una teglia da forno foderata di carta forno e lasciare lievitare a forno tiepido ma spento per almeno un’altra ora.

Prima di infornarli spennellarli con il tuorlo d’uovo diluito in poca acqua e cuocere in forno preriscaldato a 180° C per 20 minuti circa.

Appena sfornati spolverizzare con zucchero a velo.

Per la farcitura si può usare anche della nutella.

Seguitemi sulla mia pagina Facebook Lo scrigno del buongusto



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Girelle alle melanzane Successivo Ceci arrostiti

Lascia un commento