Cuculli genovesi



Cuculli genovesi

Kcal 440 circa a persona

Oggi vi propongo I miei cuculli genovesi, fritti molto sfiziosi della cucina ligure, sono davvero una delizia.

E’ una pastella lievitata e aromatizzata con erba cipollina, ma al palato non risulta una semplice pasta lievitata, non so come spiegarvelo, ma sono solo da provare e vedrete che goduria !

Sono molto semplici da preparare, l’unica pecca è che si rischia di mangiarne troppi !!!

Possono essere serviti sia al posto del pane, magari insieme agli affettati, oppure come ve li propongo io, cioè come antipasto oppure semplicemente per spizzicare fuori pasto, tanto sono buoni anche freddi !

Ve li consiglio anche se dovete preparare un buffet ad esempio per la Prima Comunione !

Cuculli genovesi

Ingredienti per  persone

– 500 gr di farina di manitoba

– 1 tuorlo d’uovo

– 2 bicchieri di acqua

– 180 ml di latte

– erba cipollina o cipolla

– 1 cucchiaino abbondante di sale

– ½ cubetto di lievito di birra

– olio di semi di arachidi per friggere

Cuculli genovesiCuculli genovesi

Preparazione

Per impastare gli ingredienti possiamo usare sia il robot da cucina che lo sbattitore per dolci, io ho utilizzato lo sbattitore per dolci.

Unire il lievito di birra, il latte tiepido, 1 cucchiaino di zucchero, 200 gr di farina di manitoba, impastare bene il tutto e lasciare riposare coperto per 1 ora lasciando l’impasto direttamente nello sbattitore.

Trascorso il tempo, aggiungere la farina restante, l’acqua e mescolare bene in modo che risulti una pastella semiliquida, in ultimo unire l’erba cipollina o la cipolla tritata, il sale, il tuorlo, impastare bene il tutto e lasciare riposare la pastella per un paio di ore togliendo le fruste che ormai non serviranno più.

La pastella dovrà risultare densa da prendere con il cucchiaio.

Preparare una padella con i bordi alti, mettere abbondante olio per la frittura, quando sarà bollente versare la pastella a cucchiaiate avendo l’accortezza di bagnare prima il cucchiaio nell’olio e poi prendere la pastella così non si attaccherà.

Appena saranno gonfi e dorati scolarli e lasciarli asciugare un paio di minuti su carta assorbente e poi spolverizzarli con il sale.

Servire caldi, ma sono buoni anche freddi.

Seguitemi sulla mia pagina facebook Lo scrigno del buongusto



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 thoughts on “Cuculli genovesi

Lascia un commento