Clafoutis alle albicocche



Clafoutis alle albicocche (Francia)

Kcal 152 circa a persona

Il clafoutis è un dolce cotto al forno composto da ciliegie nere annegate in una pasta simile a quella delle crêpes, è un dessert originario del Limosino, una regione della Francia.

Ci sono delle varianti e al posto delle ciliegie si possono mettere albicocche (come ho fatto io), mele, pere, frutta secca o pesche.

E’ un dolce  che dovete cuocere nella stessa teglia o pirofila da forno in cui poi servirete il dolce, dato che non andrà sformato e resterà appunto nello stesso contenitore di quello utilizzato per la cottura, usatene uno presentabile !

Questo è un dolce che si può preparare in poco tempo, molto buono, di facile esecuzione e abbastanza veloce !

Clafoutis

Ingredienti per 8 persone

– 100 gr di zucchero + 20 gr per la copertura

– 100 gr di farina ‘0’

– 250 ml di latte intero

– 2 uova

– 1 bustina di vanillina

– 1 pizzico di sale

– 6 albicocche

ClafoutisClafoutis

Preparazione

Per prima cosa prepariamo una teglia da forno di 22-23 cm di diametro, magari carina visto che non è un dolce che si deve sformare, ma deve rimanere nel testo di cottura.

Accendere il forno a 200°C e cominciamo preparare il composto.

Nello sbattitore per dolci mettere lo zucchero, la farina, aggiungere le uova e amalgamare bene a bassa velocità.

In seguito unire il pizzico di sale, il latte, la vanillina e amalgamare bene.

Prendere le albicocche, lavarle bene, tagliarle a metà e posizionarle nel testo da forno precedentemente imburrato con la parte tagliata rivolta verso il basso.

Versare la pastella sopra alle albicocche e infornare per 40-45 minuti, poi 5 minuti prima della fine della cottura spolverare di zucchero e rimettere in forno sotto al grill per far caramellare.

Una volta raffreddato, metterlo in frigo per almeno un ora e ancora nello stampo, ricavare delle fette e servire.

Seguitemi sulla mia pagina Facebook Lo scrigno del buongusto



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente Amaretti abruzzesi Successivo Fusilli allo sgombro

Lascia un commento