Bon bon liquorosi con avanzo di pan di spagna



Bon bon liquorosi con avanzo di pan di spagna

Kcal 140 circa per ogni bon bon

I bon bon liquorosi con avanzo di pan di spagna sono stati pensati proprio per smaltire del pan di spagna avanzante da un dolce che avevo preparato.

Non volevo mettere il pan di spagna avanzante in una busta con l’idea di mangiarlo così o che ancora peggio restasse dimenticato in un cassetto, anche se è buono mangiato anche così senza farcire o altro.

Ho realizzato i bon bon utilizzando la crema al cioccolato dell’azienda Terralcantara che mi ha letteralmente conquistato.

Vi consiglio di acquistarlo anche voi sul loro sito.

Seguite la mia ricetta e realizzateli anche voi.

Bon bon liquorosi con avanzo di pan di spagna

Ingredienti per 20 bon bon

– 200 gr di pan di spagna

– 250 gr di nutella

– 100 ml di crema al cioccolato Terralcantara (in alternativa potete mettere cacao e rhum)

– 50 gr di zuccherini colarati

TerralcantaraBon bon liquorosi con avanzo di pan di spagna

Preparazione

Allora io ho preparato tutto con l’aiuto del robot da cucina, ma con un po’ di pazienza potete farlo anche a mano sgretolando il pan di spagna  e unendo il resto man mano.

Nel robot da cucina mettere il pan di spagna e fategli fare qualche giro, giusto il tempo che diventi tutto sgretolato, a questo punto inserire tutti gli altri ingredienti (escluso gli zuccherini) e azionare il robot per amalgamare il tutto.

Trasferite il composto in una ciotola e lavoratelo con le mani fino a ottenere una palla omogenea.

Se dovesse risultare troppo secca aggiungete altro liquore al cioccolato oppure rhum, al contrario fosse troppo morbido potete mettere un po’ di cacao.

Le dosi sono molto precise, ma la morbidezza può dipendere da com’è asciutto o meno il vostro pan di spagna.

Mettete in frigo per almeno 30 minuti, passato il tempo formate tutte palline della grandezza di una noce e mettete nei pirottini di carta.

Una volta formate le palline, rotolarle negli zuccherini colorati e rimettere in frigo fino al momento di servire, lasciando che raffreddino per almeno un’ora.

Seguitemi su Facebook Pinterest Twitter G+ Instagram Youtube

Se volete restare aggiornati iscrivetevi alla newsletter



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento